pappalardoLa poesia è, per me, un mezzo per esprimere sentimenti e valori etici ed estetici attraverso la parola, nella convinzione che il poeta debba riacquistare quel ruolo di guida morale e culturale che lo caratterizzava prima dell’Ottocento. Considero l’uso esclusivo del dialetto una scelta colta letterariamente e intellettualmente.

Stanotti

Stanotti

di l’ali spirlucenti di na nùvula

s’affàccia silinziusa

na fiḍḍuzza di luna

e la so lustrura

pèrcia

lu lignu di la me finestra

e mi teni vigghianti

a sèntiri luntani

lu vucilìzziu ncuttu di l’ariḍḍi,

un abbàiu di cani,

lu rrispiru dô ventu,

lu silènziu dô tempu

ca duna corda

a lu rralòggiu di li me pinzeri,

aspittannu.

Stanotte. Stanotte/ dalle ali luccicanti di una nuvola/ appare silenziosa/ una fettina di luna/ e il suo chiarore/ trafora/ il legno della mia finestra/ e mi tiene sveglio/ a sentire lontani/ il vocio assillante dei grilli,/ uno schiamazzo di cani,/ il respiro del vento,/ il silenzio del tempo/ che dà la carica/ all’orologio dei miei pensieri,/ aspettando.

(da «Contraventu» ed. Arianna, Palermo, 2016)

U postu fissu

Na favulitta vi vògghiu cuntari.

Dintra u palazzu vècchiu dô Cumuni

surci ci su’, cchiù grossi d’un saittuni;

u-gnattu cci vulissi ppi cacciari.

U sìnnacu dumanna cchi s’â fari.

Veni a sapiri ca cumpari Rricu

u-gnattu avi, d’i surci nimicu;

manna na guardia ppi-gghillu a mpiegari.

Arriva u iattu, pàssanu du misi,

surci nun si nni vìdinu pigghiari.

Rricu, turnatu sùbbitu ô paisi,

dumanna ô iattu: «Nun sai cchiù cacciari?»

U iattu fa: «Sugnu mpiegatu a misi…

pirchì avissi ancora a travagghjari?»

Il posto fisso Una storiella, vi voglio raccontare./ Dentro il palazzo vecchio del Comune,/ ci sono topi più grossi di un coniglietto;/ ci vorrebbe un gatto per dare loro la caccia.// Il Sindaco chiede cosa si deve fare./ Viene a sapere che compare Rico/ ha un gatto (che è) nemico dei topi;/ manda un vigile urbano per andare ad assumerlo.// Arriva il gatto, passano due mesi,/ topi non se ne vedono prendere./ Rico, tornato in fretta al paese,// chiede al gatto: ”Non sai più dare la caccia ai topi?”./ Il gatto risponde: ”Sono impiegato con stipendio fisso mensile…/ perché dovrei ancora lavorare?”

(da «Di mia a tia» ed. I.L.A. Palma, Palermo, 2013)

L’àncilu

L’àncilu ca iu cantu

nun è chiarìa di stiḍḍi,

nun avi sita d’oru nnê capiḍḍi,

l’aluzzi so’ nun sunnu

çiuri di gersuminu

e pinni di cardiḍḍi;

iḍḍu nun sta nnô celu,

unni lu tempu è santu.

L’àncilu ca iu cantu

sta ccà, dintra sta fossa,

e-gghiè di carni e ossa;

cummatti la so guerra

ccu li vrazza nta-ll’ària

e l’occhi n terra.

Ss’àncilu è ḍḍa matruzza

ca, quannu si mpagghiazza

l’azzolu di lu celu

e lu furanu çiùscia friddu e forti,

n’asciùca di li làcrimi lu velu

e vìgghia supr’a nui tutta la notti.

Ss’àncilu è ḍḍa mugghieri,

ḍḍa ducizza di l’occhi

unni tròvanu abbentu li pinzeri

e li spini pungenti

di na iurnata di travàgghiu e stenti.

Ss’àncilu è ḍḍa figghiuzza

ca ccu amuri, pacènzia, cuntintizza

annaca la vovò a la vicchizza

(lu tempu ca nui damu a patri e matri

è tempu ca poi Ddiu ni torna a nuatri).

Nnunca, vi vògghiu diri,

ss’àncilu è la fìmmina!

e nasci e rridi e campa e chianci e mori,

e duna vita, çiatu, sangu, amuri,

e, puru ca nascìu costa d’Adamu,

ss’àncilu, no! nun è serva di l’omu.

L’angelo. L’angelo che io canto/ non è chiarore astrale,/ non ha seta dorata nei capelli,/ le sue piccole ali non sono/ fiori di gelsomino/ e piume di cardellino;/ lui non abita in cielo,/ dove il tempo è soprannaturale./ L’angelo che io canto/ abita qui, in questa fossa,/ ed è di carne e ossa;/ combatte la sua guerra/ con le braccia rivolte al cielo/ e gli occhi a terra./ Codesto angelo è quella madre/ che, quando si copre di nuvole/ l’azzurro del cielo/ e il vento marino soffia gelido e impetuoso,/ ci asciuga il velo delle lacrime / e veglia su di noi tutta la notte./ Codesto angelo è quella moglie,/ quella dolcezza degli occhi/ dove trovano sollievo le preoccupazioni/ e le spine pungenti/ di una giornata di fatica e stenti./ Codesto angelo è quella figliola/ che con amore, pazienza, contentezza/ culla il sonno alla vecchiezza/ (il tempo che noi diamo a padre e madre/ è tempo che poi Dio restituisce a noi stessi)./ Dunque, vi voglio dire,/ codesto angelo è la donna!/ e nasce e ride e vive e piange e muore,/ e dà vita, respiro, sangue, amore/ e, nonostante sia nata (da una) costola di Adamo,/ codesto angelo, no! non è serva dell’uomo.

(premiata in alcuni concorsi letterari)


Giuseppe Pappalardo (Pippo) è nato a Paternò nel 1945 e vive a Palermo dal 1968. Dopo gli studi classici si è laureato in Fisica. Ex-funzionario presso il Centro Elettronico della Sicilcassa, da anni coltiva un forte interesse per il dialetto siciliano, lingua che ha approfondito su testi del Centro di Studi Filologici e Linguistici Siciliani e dell’Atlante Linguistico della Sicilia (Università di Palermo). Ha pubblicato tre raccolte di poesie dialettali: «Occhi ‘i pueta» ed. Aulino, Sciacca, 2012; «Di mia a tia» ed. I.L.A. Palma, Palermo, 2013; «Contraventu» ed. Arianna, Palermo, 2016. Ha inoltre pubblicato «Scrìviri – Una guida al dialetto siciliano», ed. Nuova Ipsa, Palermo, 2014. È vincitore di numerosi primi premi e di altri riconoscimenti in concorsi letterari siciliani e nazionali. Sue poesie e suoi articoli sono pubblicati su riviste culturali anche on-line. É promotore di iniziative volte a risvegliare l’interesse per il dialetto siciliano e la sua letteratura.

Annunci